logo-studio-medico-multispecialistico-lasermillennium-dr-franco-muzi
logo-studio-medico-multispecialistico-lasermillennium-dr-franco-muzi

Piazza Giulio Biglieri

AQUILA

elemento-bauhaus-luigi-fiammata-sito-bis
Quaranta anni, quasi, con i CCCP.

Quaranta anni, quasi, con i CCCP.

Felicitazioni… Non ci si può felicitare con qualcuno che abbia autorizzato l’abbattimento di un aereo civile, scambiandolo per un aereo spia che abbia sconfinato nello spazio aereo sovietico, uccidendo così, centinaia di persone innocenti. Eppure s’entra nei Chiostri...

leggi tutto
Sparsi versi d’impoesia – parte seconda

Sparsi versi d’impoesia – parte seconda

Questi muri di sabbia rappresa ruvidi, sulle dita, come un ricordo di dolcezza lontana, sì sgretolano, lenti, sotto il sole di estate ferma e chiusa, dietro i cancelli alzati su bracci di mare libero, e tornano polvere sparsa al vento di austro arido che traversa...

leggi tutto
Iniziamo da Michele Rech.

Iniziamo da Michele Rech.

Sono accadute molte cose, dal 7 ottobre scorso. Soprattutto, sono morte migliaia di persone. Civili, in special modo: vittime non armate, che non potevano neppure difendersi: donne, giovani, anziani, bambine e bambini. Dal 7 ottobre scorso, il mondo si confronta,...

leggi tutto
Quaranta anni, quasi, con i CCCP.

Quaranta anni, quasi, con i CCCP.

Felicitazioni… Non ci si può felicitare con qualcuno che abbia autorizzato l’abbattimento di un aereo civile, scambiandolo per un aereo spia che abbia sconfinato nello spazio aereo sovietico, uccidendo così, centinaia di persone innocenti. Eppure s’entra nei Chiostri...

leggi tutto
Sparsi versi d’impoesia – parte seconda

Sparsi versi d’impoesia – parte seconda

Questi muri di sabbia rappresa ruvidi, sulle dita, come un ricordo di dolcezza lontana, sì sgretolano, lenti, sotto il sole di estate ferma e chiusa, dietro i cancelli alzati su bracci di mare libero, e tornano polvere sparsa al vento di austro arido che traversa...

leggi tutto
Iniziamo da Michele Rech.

Iniziamo da Michele Rech.

Sono accadute molte cose, dal 7 ottobre scorso. Soprattutto, sono morte migliaia di persone. Civili, in special modo: vittime non armate, che non potevano neppure difendersi: donne, giovani, anziani, bambine e bambini. Dal 7 ottobre scorso, il mondo si confronta,...

leggi tutto