logo-studio-medico-multispecialistico-lasermillennium-dr-franco-muzi
logo-studio-medico-multispecialistico-lasermillennium-dr-franco-muzi

Istantanee

Home / Rubriche / Istantanee

Uno sguardo al Campionato

Set 30, 2022 | Istantanee

Domenica pomeriggio 2 ottobre, alle ore 14,30, inizia il campionato circondariale aquilano di calcio, Serie F.

Al via, quest’anno, ben quattordici squadre, rappresentative di altrettanti paesi della più grande provincia d’Abruzzo.

Vi sono infatti due nuove iscrizioni: la Polpettese e il Borgofumante, capitanate dai rispettivi Allenatori: Sbrigone e il veterano ottantottenne Afferrinpetto, che non vuole rassegnarsi ad appendere la lavagnetta degli schemi al chiodo.

Ai nastri di partenza, il campionato appare equilibrato, e il vostro cronista fatica a trovare una favorita per il primo posto finale che dà diritto ad accedere allo spareggio per la conquista della Serie E Meno Meno, anticamera del grande giro calcistico; quello dei procuratori sempre in agguato, e dei premi partita in nero.

Nostro dovere, comunque, è procedere alla presentazione delle squadre in competizione e di tutto il denso mondo che ruota intorno a questa stagione di calcio sicuramente agguerrito, sanguigno e spettacolare, e lo faremo interrogando per voi Lettori e per voi Lettrici, l’oracolo degli arrosticini sfrigolanti, che ci darà così un’orientata di massima per distinguere chi lotterà per il titolo, da chi invece si batterà per evitare la tremenda tortura della pubblica apertura di una bottiglia di Montepulciano Riserva Vinone 2016, con il cavatappi di legno riservato tradizionalmente al sodalizio che arriverà ultimo in classifica.

Nel gruppo delle squadre che certamente lotteranno per il primo posto in classifica, possiamo tranquillamente inserire la Spargillana, che lo scorso anno, pur giunta prima in campionato, nella finale per l’accesso alla serie superiore, ha subito una terribile beffa ai calci di rigore, quando il suo centravanti Trecoperti, al momento di tirare il rigore decisivo, è stato centrato nell’occhio destro, dalla deiezione fetente di un airone volante ( si dice subito dopo abbattuto a fucilate da Peppino Crociferro il più sanguinario cacciatore del paese ) e ha spedito la palla a scheggiare la traversa, esplodendo subito dopo, per la potenza del destro sferrato, e consegnando così una vittoria immeritata agli avversari del Real Mastroferro.

La Spargillana ha mantenuta intatta l’intelaiatura dello scorso anno, ma ha ingaggiato un nuovo portiere, di cui si dice un gran bene: Tremellon, cresciuto nel vivaio del Bari Calcio.

Un gradino più sotto, tra i favoriti, è giusto inserire la Tartufalba, che ha costruito un undici di sicuro affidamento, intorno alle scelte del nuovo allenatore Maurizio Sfizio, che ci ha abituato ad un gioco di grande effetto estetico, anche se non sempre produttivo, sul piano del risultato.

Nel gruppo delle pretendenti alla testa della classifica, l’oracolo dell’arrosticino bruciante, quello posto all’estremità sinistra della canaletta, indica altre due compagini di tutto rispetto: l’Apristolatte e il Perpendicolo.

Le due squadre si caratterizzano, entrambe, per il fortissimo legame coi loro rispettivi paesi, da cui provengono quasi tutti i giocatori, tranne, in ambedue i casi, le due ali sinistre: i famosi gemelli Artotimido; Alceste, per l’Apristolatte e Berardone per il Perpendicolo. I due gemelli, come tutti sanno, sono separati, da anni, da una insanabile rivalità che li ha spinti ad atti leggendari di reciproca crudeltà, iniziati già sui banchi dell’asilo, quando entrambe s’innamorarono di Elena Boccarossa, che, però, da parte sua – secondo i beninformati – sveniva dietro Seccardo Gruvieretti, capitano , nel campionato di pallavolo a tre giocatori, della squadra di Ravalessa, frazione di Spaccaceci Alta, ridente paesino posto nella piccola valle di Frenoforte, a circa ottanta chilometri da Aquila tra le cime dei monti Orsotorso e Viperozzo.

Il vostro cronista, ancora sufficientemente lucido, nonostante ormai ben abburrazzato dalla sua abituale colazione mattutina, consistente in sei rossi d’uovo, amorevolmente sbattuti con zucchero bianco e innaffiati di Marsala invecchiato sette anni, si permette di indicare tra le squadre del torneo, un paio di formazioni che potrebbero sorprendere tutti.

Innanzitutto, il Caprezzolezzo che quest’anno, ha ulteriormente rafforzato la difesa, ( già la migliore del campionato scorso ): l’arrivo dei due centrali , pastori eremiti a tempo perso; il sardo Ciancheddu e il balcanico Ostruziski, accreditati di un record di quattrocentosettandue giorni senza abluzioni, garantisce a tutto il reparto una respingenza agli assalti avversari, di tutto rispetto.

Ed inoltre, uno sguardo molto attento, andrà posto al campionato della Oinochetana che pare aver puntato tutto sulle doti di dribblomane, ubriacante e astutissimo, del capitano e numero dieci, Pierpaolo Mazzolante, che, in coppia col centravanti neoacquisto Spaccamonti, dovrebbe garantire una ricca messe di segnature, in grado di portare molto in alto la compagine allenata dall’oriundo argentino Josè Hernando Pastarella.

In un centro classifica tranquillo, ma non privo forse di qualche soddisfazione raccolta contro le grandi, dovremmo trovare la Prestispenta del nuovo Presidentissimo, re delle Carrozzerie Riunite, Noveno Giaculatoria; il Tumefattone, che conferma l’equipe medica del dottor Integrato Creatinino, chiacchieratissima in fatto di doping, ma capace di portare gli atleti a rendimenti impensabili ( tutti ricorderanno il gol capolavoro, lo scorso anno, realizzato in contropiede fulminante e solitario, da Obeso Geronto, il libero settantreenne della squadra ); e anche la Dinamo Paccuta, potrebbe essere inserita in questo gruppetto di squadre candidate a tentare il salto di qualità, soprattutto per il suo possente terzetto di centrocampo, formato da Dirutore, Tramoggia e Piallante, capace di formare una vera e propria diga, alzata in faccia a tutti gli approcci avversari, timidi, o sfrontati che siano.

A lottare per evitare l’ultimo posto in graduatoria, Visto che in Serie F non ci sono retrocessioni, non ne vogliano al vostro umile cronista, dovrebbero trovarsi le neo iscritte e già citate, Polpettese e Borgofumante, se non altro per la scarsa esperienza dei nostri campi di montagna, ma anche la Sanpistonese, che ormai da tre anni consecutivi “conquista” il temuto cavatappi di legno, e che pure, per quest’anno, ha tentato di rinforzarsi pescando tra le riserve deluse delle altre squadre del campionato, e rinnovando così, per sette undicesimi, il proprio organico.

Seppure accreditate ai nastri di partenza di ben altre ambizioni, il vostro cronista, rispettoso dei vaticini dell’oracolo dell’arrosticino fumante, quello posto stavolta all’estrema estremità destra della canaletta cocente, colloca in fondo alla classifica, anche il Bruschimonte del famoso terzino destro Gentilino detto “il Libico” e la Gorgonzolana, che, sebbene euforica per il prestito ottenuto dalla neopromossa in Serie D Pecorinense calcio, del fantasista tutto mancino Gianginevro Muffetto, ci pare pericolosamente sbilanciata in avanti, priva com’è di veri difensori di ruolo, visto che la linea arretrata Gobbazzi, Pelosi, Cinciante e Trusciaro, è tutta composta da colesterolosi ex-centrocampisti di rifinitura.

Vale la pena ricordare, che in Serie F, la vittoria consente di acquisire due punti in classifica; il pareggio uno, e la sconfitta, ovviamente non permette di conquistare punti.

Un paio di novità tecnologiche dovrebbero rendere le giornate di campionato ancor più interessanti e coinvolgenti che in passato.

Innanzi tutto, se la pandemia di Covid 19 ci ha insegnato qualcosa, è che si possono fare videochiamate multiple, e perciò, i tecnici di Tele Aquila Barbano, stanno predisponendo su piattaforma Mooz, la possibilità di realizzare una videocronaca diretta simultanea da tutti i campi, cui ciascuno potrà collegarsi col proprio cellulare solo però dopo essersi accreditato, quasi gratuitamente pare, e che si chiamerà “ Tutto il calcio cinque minuti, per cinque minuti “.

Inoltre, sotto l’egida della Società Anonima Oculisti Aquilani, ogni campo di gioco, dopo ampia ed attenta selezione dei volontari, effettuata con l’obiettivo di individuare i più migliori guardoni, sarà dotato della funzione  di V.A.R. ( Valutazione Auspicabilmente Rigorosa ) impersonata dal prescelto dotato di vista aquilana, che, su richiesta dell’arbitro, sarà chiamato ad individuare gli insultatori sulle tribune, e anche chi fa la spia che, come tutti sanno, non è figlio di Maria, oltre che a dirimere i casi di più difficile e concitata dinamica incerta di gioco e di fallo,

Il vostro cronista vi segnala infine che anche quest’anno, Gabriele Pizzutello e Fabio Leuzzuto, ormai tredicenni, metteranno in vendita, in bustine da cinque ciascuna, le ricercatissime figurine 2022/2023 dei giocatori del Campionato Aquilano di Serie F , da loro realizzate disegnando a mano uno ad uno i volti e le divise di tutti i tesserati delle quattordici squadre che si daranno battaglia per la vittoria finale. I collezionisti sono invitati quest’anno ad evitare di derubarsi vicendevolmente nottetempo, al fine di completare lo splendido album “Celhò, nonmimanca”, che i due artisti, come di consuetudine, regaleranno a tutti gli acquirenti di almeno trenta bustine di figu tutte insieme.

Non ci resta che augurare a tutte e a tutti, una stagione calcistica di grande qualità, di tifo corretto e divertito, e di soppalcate corna agli arbitri tutti.

Buon Campionato !

Condividi su

Se hai trovato l’articolo interessante e vuoi discuterne con me compila il form sottostante o contattami all’indirizzo email:
messaggio@luigifiammataq.it

Consenso trattamento dati personali

5 + 2 =